Indietro
Aggiungere alla selezione

Villa

  • Ref. 567445
  • Trattativa riservata

Affitto stagionale Villa

DESCRIZIONE LOCALITA'
Una città unica al mondo. Scenografica e romantica con uno struggente tocco decadente, Venezia colpisce al cuore. Impossibile resistere al suo fascino. La città veneta, è una delle mete più frequentate nei classici tour turistici stranieri dedicati alle città d'arte italiane, infatti, mediamente ogni anno la visitano 18 milioni di persone. L'unicità di Venezia, dove le vie sono chiamate "calli", le piazze "campi" e i quartieri "sestieri", è la vita quotidiana che scorre a pelo d'acqua in un labirinto di canali animati da un allegro via vai di barche, vaporetti e naturalmente dalle tradizionali gondole. Se l'acqua è la cornice fluida di Venezia, i palazzi nobiliari, le antiche chiese e i vecchi quartieri sono la preziosa tela che l'hanno resa famosa nel mondo, derivata da una storia plurisecolare. Nella città dei Dogi (furono dal 697 al 1797 i rappresentati ufficiali della Repubblica di Venezia nelle cerimonie pubbliche e nelle relazioni diplomatiche con gli altri Stati), il salotto en plein air per eccellenza è il sestiere San Marco, quello dell'omonima piazza dominata dall'imponente Basilica con la svettante Torre dell'Orologio, del Palazzo Ducale e del vicino Ponte dei Sospiri, in cui transitavano per l'ultima volta i condannati a morte. Allo scenografico "palcoscenico" del Canal Grande composto da residenze rinascimentali ricche di decori, stucchi e loggiati, evocatrici delle classiche icone collettive di Venezia e dei quadri del Canaletto, si affiancano i quartieri meno turistici con un'anima più vera, come Castello. Stretto fra vicoli e piazzette, con caratteristiche case scolorite, in cui corrono file di panni stesi al sole come nei più tradizionali rioni popolari, racchiude fra le sue pieghe inaspettati gioielli storici: l'isola di San Pietro con l'omonima Basilica, che fu la Cattedrale della città prima di essere soppiantata nel 1807 da quella di San Marco e la vasta area dell'Arsenale. Oppure, il sestiere Cannaregio caratterizzato da canali ampi e dritti. Custode della bellissima Ca' d'Oro in stile gotico veneziano e della Chiesa della Madonna dell'Orto con i dipinti di Jacopo Tintoretto, il quartiere fu il luogo dove nacque nel 1516 il ghetto per gliebrei. E per una sosta o un aperitivo si deve andare ai bàcari, tipiche osterie dove si va per degustare i "cicchetti", sfiziosi spuntini a base di pesce e salumi accompagnati da un bicchiere di vino. Un rito assolutamente da non perdere.

DESCRIZIONE STRUTTURA
Esclusivo complesso di appartamenti situato a Venezia nel sestiere Dorsoduro sulla tranquilla isola della Giudecca. La residenza occupa una parte del Molino Stucky, antico e prestigioso palazzo affacciato sulla laguna. L'edificio ha una lunga storia: originariamente fu la sede del monastero dei Santissimi Biagio e Cataldo, prima che nel tardo ottocento l'imprenditore svizzero Giovanni Stucky vi costruì un granaio con mulino a vapore e un pastificio. A seguito della grande opera di restauro terminata nel 2003, questa monumentale struttura è diventata uno dei più importanti edifici della città. Gli appartamenti, arredati con amore ed eleganza nello stile tipico Veneziano del settecento, dispongono di spaziosi soggiorni, accessoriate cucine, camera con letti queen size e di splendidi bagni in marmo di Verona. Gli accoglienti interni, impreziositi da soffitti con travi a vista e mobili pregiati, godono di un'incomparabile e romantica vista sulla laguna, che all'alba e al tramonto si veste di colori mozzafiato. La residenza offre l'opportunità di immergersi nell'atmosfera di questa magica città senza rinunciare alla tranquillità, al comfort ed ai servizi forniti da questa fantastica struttura, come breakfast service, riassetto e cambio biancheria giornaliero, attracco privato per motoscafo. L'esclusiva location consente di raggiungere in 10 minuti di vaporetto il Ponte dell'Accademia e Piazza San Marco, mentre molte altre attrazioni possono essere esplorate a piedi: con una passeggiata sulla riva del Canale della Giudecca, ad esempio, si arriva direttamente alla chiesa del Redentore, la più famosa dell'isola.

Stampare l'annuncio

Sommario

  • Riscaldamento Centrale

Cliccando su « Accetto », autorizzate l’utilizzo dei cookies per garantirvi una consultazione ottimale di questo sito.

Maggiori informazioni Accetto